Crea sito

↑ Torna a Cultura e territorio

Un po di stroria

Le Origini

All’incrocio delle strade che congiungono Verona e Trento, a valle dei monti,che a guisa di anfiteatro circondano la Valpolicella, s’incontra S.Ambrogio, cittadina rinomata pei i suoi marmi, i suoi vigneti, sopretutto per la laboriosita, serentita, ospitalita dei suoi abitanti. Agli inizi del sec. XVIII, Scipione Maffei, celebre storico, scoprì a Fumane e a S.Ambrogio, due lapidi, dalle quali si deduce che gli abitanti dell’attuale Valpolicella si chiamavano Arusnati. Il pagus Arusnatjum aveva il suo centro a S. Giorgio, forse a causa della sua posizione geografica, e abbracciava i vicus di Fumane, Mazzurega S. Ambrogio, Gargagnago, Volargne, Pescantina. In epoca romana, S. Giorgio divenne castrum romanum con la stessa ampia giurisdizione sui centri citati.

Documenti di età romana sono ritenuti a S. Ambrogio, due are sacrificali sovrapposte a guisa di obelisco, conservate nella piazzetta antistante la Chiesa parrocchiale, e nomi di alcune contrade come Carazan Corgnan. Alla morte di Teodosio (395) L’Impero Romano si divise in due parti: Orientale che faceva capo a Bisanzio (ove L’Impero durò dieci secoli) e Occidentale che faceva capo a Roma, che non durò neppure un secolo. La divisione dell’impero fu subito seguita dallo scatenarsi delle invasioni barbariche, contro la parte occidentale. L’Italia fu occupata da Eruli (476-93), Ostrogoti (493-553), Greci (553-68), Longobardi (568-774). Il regno dei Longobardi era organizzato in questo modo: a capo di tutti vi era il Re, con poteri civili e militari; sotto di lui i duchi, che governavano le provincie, gli sculdasei nei distretti, e i decani nelle ville.
Il sostentamento del Re veniva tratto dal suo patrimonio, disperso nei singoli distretti; queste tenute erano dette corti regie a capo delle quali stavano i gastaldi. Sotto la dominazione longobarda. S.Giorgio è curtis regia ed è già anche plebs christiana.

 

 

VILLA-3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*